Desideriamo offrirti la miglior esperienza possibile, ma anche garantire il rispetto della tua privacy. Cliccando su “Accetto”, acconsenti al nostro utilizzo dei cookie, che ci aiuteranno a fornire informazioni più personalizzate. Tuttavia, se desideri disabilitare questa funzionalità o saperne di più sulla nostra politica, consulta la Politica sui cookie. Grazie.
Ti suggeriamo di aggiornare il browser.
Stai utilizzando un browser non compatibile. Vedi i nostri browser compatibili per usufruire al meglio della nostra pagina web.

Fly Greener

Secondo il Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici, costituito dal Programma Ambientale delle Nazioni Unite, e dall'Organizzazione Meteorologica Mondiale, per ogni chilogrammo di carburante bruciato durante le fasi operative di un aeromobile, vengono rilasciati nell'atmosfera circa 3.15 chilogrammi di monossido di carbonio. 

La quantità totale di carburante consumato in un volo dipende da alcuni fattori come la distanza percorsa, la velocità dei venti, il carico passeggeri, bagagli e merci. Per pervenire ad un metodo di calcolo si utilizzano dati di consumo storici che consentono la quantificazione delle emissioni di monossido di carbonio. Questa cifra viene poi divisa per numero di passeggeri sul volo, basandosi su una media storica relativa alla flotta passeggeri, alla distanza volata, consentendo di avere un risultato finale di emissione di monossido di carbonio per passeggero per km.

Le emissioni prodotte a monte includono le attività intraprese per rifornire di carburante la nostra flotta e possono includere l'estrazione del carburante, la raffinazione, e la distribuzione dalla raffineria fino al carico sull'aeromobile. Il calcolo tramite il sistema Fly Greener include unicamente le emissioni prodotte nella fase operativa del volo. Per avere una stima della parte di emissioni prodotte dalle attività preliminari in proporzione all'ammontare di carburante aereo bruciato, si dovrà moltiplicare il numero di emissioni calcolate tramite Fly Greener per lo 0.222.

Fonte: Il Joint Research Centre (JRC) della Commissione Europea

Come metodo di calcolo, scontiamo l'emissione associata alla merce trasportata su un volo con passeggeri. Quindi, il carburante utilizzato dalla merce viene detratto quando calcoliamo le emissioni per passeggero.

Le agevolazioni a bordo fornite ai passeggeri della Premium Economy, di Business e First Class differiscono da quelle dei passeggeri della Economy Class in termini di peso e spazio. Il contributo alla riduzione di emissioni di un passeggero che viaggia in Premium Economy, in Business oppure in First Class è maggiore di quello dato da un passeggero di Economy Class ed è appropriatamente considerato ai fini del calcolo.

Il consumo del carburante per passeggero per chilometro si basa sui dati storici dei voli effettuati con tutti tipi di aeromobili nella flotta Cathay Pacific e Cathay Dragon. Modificando il calcolo in base all'aeromobile utilizzato renderebbe il calcolo molto più complicato. Inoltre, per motivi tecnici lo stesso aeromobilie non viene utilizzato sempre sulla stessa rotta.

Si. Utilizzando i dati storici possiamo tenere in considerazione le variazioni causate dal vento nel tempo di volo, quindi l'impatto sul consumo del carburante.

La nostra calcolatrice ti permette di inserire informazioni su diversi settori per poter ottenere un calcolo preciso. Ad esempio, se viaggi da Sydney verso Hong Kong e poi prendi un volo per Beijing, puoi inserire i dati per tutti e due i settori nella calcolatrice. Se inserisci un unico settore da Sydney a Beijing, la calcolatrice desumerà che sei stato in tranisto a Hong Kong.

Per i voli Cathay Pacific e Cathay Dragon puoi utilizzare la calcolatrice. Il nostro sistema non permette settori non effettuati da Cathay Pacific e Cathay Dragon. Se vuoi compensare l'emissione di Co2 con altri vettori tramite questo sito puoi dare un contributo unico.

No, attualmente non esiste nessuno standard. Cathay Pacific e Cathay Dragon hanno lavorato molto per assicurare che le emissioni assegnate al passeggero siano il più possibile giuste e accurate. Il metodo di calcolo verrà periodicamente rivisto, soprattutto se standard industriali diverranno disponibili.

Non è facile fare un paragone direttamente. Diversi vettori utilizzano diversi metodi per calcolare l'emissione. Dettagli come il tipo di aeromobile, la configurazione, lo spazio merce, i servizi di bordo e le rotte volate possono variare molto. Come menzionato sopra, abbiamo lavorato molto per sviluppare un sistema di calcolo che riteniamo sia accurato per calcolare l'emissione di ogni passeggero.

Il Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC), costituito dal Programma Ambientale delle Nazioni Unite e dall'Organizzazione Meteorologica Mondiale indica che l'apporto di emissioni al carbonio prodotte dall'aviazione costituisce attualmente il 2% delle emissioni globali di monossido di cabonio. Sono in atto un' interessante ricerca e un'inchiesta sull'impatto di altre forme di emissione e il rilascio di emissioni a elevate altitudini. Data la complessità delle reazioni chimiche nell'altmosfera, rimane molta incertezza su questi argomenti.

Ai fini di dare il proprio contributo alla consapevolezza delle prove scientifiche del cambiamento climatico nell'atmosfera, Cathay Pacific sostiene l'In-service Aircraft per il Progetto di Osservazione Globale del Sistema (IAGOS), che fa parte di Forum per le Strategie Europee di Ricerche Infrastrutturali. Nel 2013 uno dei nostri aeromobili, un Airbus A330-300 è stato equipaggiato con strumentazione scientifica destinata al monitoraggio dei fattori che contribuiscono al cambiamento climatico, quali aerosol, le nubi cirri, e composti atmosferici. I risultati formeranno parte di una banca dati per utenti scientifici e politici, inclusi i dati in tempo reale per le previsioni meteo, sulla qualità dell'aria e per i modelli climatici. Maggiori informazioni possono essere ritrovate nel sito : www.iagos.org.

Le scie di condensazione sono le scie bianche che talvolta si formano quando un aereo sorvola zone con atmosfere calde ed umide e sono ritenute essere causa di formazione di cirri - che si pensa sia uno dei fattori che contribuiscono ai cambi climatici. Nonostante approfondite ricerche in quest'area, gli scienziati non hanno raggiunto una conclusione definitiva sul contributo delle scie al cambiamento del clima.

Ai fini di dare il proprio contributo alla consapevolezza delle prove scientifiche del cambiamento climatico nell'atmosfera, Cathay Pacific sostiene l'In-service Aircraft per il Progetto di Osservazione Globale del Sistema (IAGOS), che fa parte di Forum per le Strategie Europee di Ricerche Infrastrutturali. Nel 2013 uno dei nostri aeromobili, un Airbus A330-300 è stato equipaggiato con strumentazione scientifica destinata al monitoraggio dei fattori che contribuiscono al cambiamento climatico, quali aerosol, i cirri, e composti atmosferici. I risultati formeranno parte di una banca dati per utenti scientifici e politici, inclusi i dati in tempo reale per le previsioni meteo, sulla qualità dell'aria e per i modelli climatici. Maggiori informazioni possono essere ritrovate nel sito : www.iagos.orgIl link si apre in una nuova finestra gestita da terze parti e potrebbe non essere soggetta alle stesse politiche sull'accessibilità di Cathay Pacific.

La compensazione è un metodo efficace per finanziare progetti mirati a ridurre le emissioni di Co2 del tuo volo. Versando un contributo per le emissioni al programma Fly Greener contribuisci all'acquisto di crediti di carbonio generati da progetti mirati alla riduzione dei gas ad effetto serra. Questi crediti vengono effettivamente impegnati in modo che non possono essere più utilizzati oppure rivenduti.

In merito al programma Fly Greener, i crediti sono riduzioni di emissioni verificate (Verified Emission Reductions -"VERs") generati per progetti mirati ad abbattere le emissioni secondo il Voluntary Carbon Standard (VCS) oppure standard industriali più alti. Lo standard  VCS sviluppato da The Climate Group, l'International Emissions trading Association (IETA) e il World Business Council for Sustainable Development è mirato a garantire l'integrità del mercato di compensazione volontaria.

La compensazione è l'unico modo per ridurre l'emissione di gas ad effetto serra. La compensazione non riduce le emissioni del volo in sé, ma evita oppure riduce le emissioni di gas effetto serra altrove. La compensazione incoraggia, inoltre, l'innovazione e migliora la consapevolezza di dover gestire meglio l'utilizzo di carburante e in alcuni casi può contribuire alla riduzione dell'inquinamento atmosferico.

Le compensazioni al monossido di carbonio è soltanto uno dei modi per ridurre le emissioni di carbonio. Siamo costantemente impegnati a collaborare con i nostri partners commerciali nella gestione delle emissioni al monossido di carbonio. Contribuiamo attivamente allo sforzo globale mirato a ridurre l'impatto dell'aviazione a livello mondiale attraverso nuove tecnologie, il miglioramento delle procedure e strutture più avanzate.

La cultura operativa che punta sull'efficienza del carburante è stata posta in essere dalla compagnia sin dalle prime operazioni dei voli senza scalo a lunga percorrenza da Hong Kong a Londra nel 1980 e da Hong Kong a Vancouver nel 1983. La riduzione di peso a bordo dei voli su queste due rotte ha permesso di offrire un servizio unico e competitivo ai nostri passeggeri. Svariati team hanno lavorato all'interno di Cathay Pacific e Cathay Dragon per implementare iniziative innovative come il sistema di monitoraggio del carburante; l'utilizzo di un ciclo di lavaggio, l'introduzione di un alleggerimento di peso dell'attrezzatura di bordo (ad esempio, dei carrelli portavivande e delle scatole container merci); e inoltre l'utilizzo di tecniche di volo e sistemi di pianificazione che riducono il consumo di carburante – che sono state parte di procedure operative standard della compagnia negli ultimi 30 anni.

Per sapere di più sugli innumerevoli sforzi compiuti da Cathay Pacific per migliorare l'efficienza di consumo del carburante e ridurre le emissioni si può consultare il sito Sustainable Development Reports.