Jump to main content

CATHAY PACIFIC PRESENTA I DATI ANNUALI DI BILANCIO 2011

14 Mar 2012

 

Milano, 14 marzo 2011 - Nel 2011 il Gruppo Cathay Pacific ha registrato un utile di 5.501 milioni di dollari di Hong Kong (pari a circa 546,754 milioni di euro). Un dato comparabile con l’utile di HK$14.048 milioni registrato nel 2010, un anno record per la Compagnia. I risultati del 2010 includevano anche i HK$3.033 milioni derivanti da significative voci straordinarie legate agli utili delle vendite delle partecipazioni azionarie nella Hong Kong Air Cargo Terminals Limited e nella Hong Kong Aircraft Engineering Company Limited e dal profitto registrato dalla cessione di una parte della partecipazione in Air China. Considerando queste voci, nel 2011 l'utile diminuisce di HK$ 5.514 milioni pari al 50,1% rispetto al 2010. Il turnover dell’anno ha registrato un aumento del 9,9% raggiungendo HK$ 98.406 milioni. L'utile per azione è diminuito del 60,9% ed è stato pari a 139,8 centesimi di dollari Hong Kong.  

 

Nel 2011 il core business del Gruppo Cathay Pacific è stato condizionato in maniera rilevante dall'instabilità e dall’incertezza che hanno caratterizzato le maggiori economie mondiali. Il business passeggeri sia di Cathay Pacific che di Dragonair ha tenuto relativamente bene, soprattutto grazie alla forte domanda di First e Business Class. Il business cargo è stato invece influenzato negativamente da una sostanziale contrazione della domanda di spedizioni dai due mercati chiave per le esportazioni di Hong Kong e della Cina Continentale.

Christopher Pratt, Chairman di Cathay Pacific ha dichiarato: "Abbiamo affrontato una serie di sfide importanti nel 2011 e stiamo ancora operando in un ambiente molto impegnativo, soprattutto per quanto riguardo il nostro business cargo. Tuttavia, il Gruppo Cathay Pacific ha un chiaro focus strategico e stiamo mettendo in atto una serie di iniziative per rendere le nostre compagnie aeree ancora più forti e per garantire esperienze di viaggio sempre migliori ai nostri passeggeri. Ad esempio, nel 2012 il Gruppo ha in consegna 19 nuovi aeromobili; stiamo introducendo la nuova Premium Economy Class, nuove poltrone di Economy Class sui voli a lungo raggio e stiamo continuando il rollout della nostra nuova ed acclamata Business Class; stiamo perfezionando i servizi forniti nelle nostre Lounge ed inoltre stiamo costruendo a Hong Kong uno dei cargo Terminal più sofisticati del mondo, la cui apertura è prevista per l'inizio del 2013. Sul fronte Dragonair, quest'anno aggiungeremo più aeromobili alla flotta, introdurremo nuovi prodotti e inaugureremo nuove destinazioni, tutto ciò migliorerà le connessioni e rafforzerà il ruolo di Hong Kong come uno dei più importanti hub internazionali". 

 

Il carburante è la voce più importante tra i costi del Gruppo e i prezzi costantemente alti del jetfuel hanno avuto un effetto significativo sui risultati operativi nel 2011. Non considerando l'effetto delle operazioni di fuel hedging, i costi lordi relativi al carburante sostenuti dal Gruppo nel 2011 sono aumentati di HK$ 12.455 milioni (pari a 44,1%). Questo aumento rispecchia sia i prezzi più elevati del carburante ma è anche dovuto ad un incremento dei voli operati. La gestione del rischio associata alle variazioni di prezzo del carburante rimane un obiettivo primario, e a tale scopo il Gruppo continua ad avvalersi di un programma di fuel hedging. Nel 2011 le attività di hedging hanno avuto come risultato un profitto pari a HK$ 1.813 milioni, con profitti aggiuntivi mark-to-market non realizzati pari a HK$ 436 milioni da accantonare nelle riserve al 31 Dicembre 2011.

 

Il revenue passeggeri del 2011 è stato di HK$ 67.778 milioni, con un aumento del 14,2% rispetto al 2010. La capacità è aumentata del 9,2% e le due compagnie aeree hanno trasportato complessivamente 27,6 milioni di passeggeri, pari ad un aumento del 2,9% sul 2010. Il load factor è diminuito di 3,0 punti percentuali, mentre lo yield è aumentato del 8,7% pari a 66,5 centesimi di dollari Hong Kong. La relativa forza di una serie di valute in cui Cathay Pacific riceve i suoi ricavi ha dato un contributo positivo. Nel 2011 la domanda di viaggi in First e Business Class è rimasta forte e la domanda solida di Business Class sui voli a corto raggio riflette una certa forza delle economie asiatiche. I load factor dell'Economy Class sono rimasti generalmente alti, soprattutto sulle rotte del Nord America e del Sud-est asiatico. Tuttavia, si è verificata una diminuzione dello yield dell'Economy Class sulle rotte a lungo raggio. Tutto ciò senza considerare le calamità naturali che hanno colpito Giappone e Thailandia. Cathay Pacific ha continuato a sviluppare il suo network passeggeri, lanciando due nuove rotte nel 2011 - Abu Dhabi e Chicago - e aumentando le frequenze sulle altre rotte chiave.  

 

Il business cargo del Gruppo è stato caratterizzato da un andamento discreto nel primo trimestre del 2011. Tuttavia da aprile in poi la domanda di spedizioni dai suoi due più importanti mercati, Hong Kong e Cina Continentale, si è indebolita in maniera significativa ed è rimasta debole per tutto il resto dell'anno. Nel 2011 il revenue cargo è aumentato del 0,3% rispetto al 2010 raggiungendo HK$ 25.980 milioni. Lo yield è cresciuto del 3,9%, pari a HK$ 2,42. La capienza è aumentata del 6,9%. Tuttavia il load factor è diminuito di 8,5 punti percentuali per assestarsi al 67,2%. La capacità è stata gestita in modo da mantenerla in linea con la domanda. Nel 2011 Cathay Pacific ha iniziato i servizi cargo per Bangalore in India, Chongqing e Chengdu nella Cina occidentale e Zaragoza in Spagna.

Il Gruppo continua ad acquistare nuovi aeromobili sia per sostituire quelli meno recenti e meno efficienti che per incrementare la flotta. Nel 2011 ha ricevuto la consegna di sei Boeing 777-300ER, tre Airbus A330-300 e quattro Boeing 747-8F cargo. Due nuovi Airbus A320-200 hanno arricchito la flotta Dragonair nel febbraio 2012. Nel marzo 2011, è stato annunciato l’ordine di 27 nuovi aeromobili, tra cui due Airbus A350-900 (i quali erano stati ordinati nel Dicembre 2010), 15 Airbus A330-300 e 10 Boeing 777-300ER. Nell’agosto 2011, è stata annunciata l'acquisizione di altri quattro Boeing 777-300ER e otto Boeing 777-200F. Nel gennaio 2012, è stato comunicato l'acquisto di sei Airbus A350-900 (con consegna prevista nel 2016 e 2017) ed è stato deciso di prendere in leasing due nuovi Airbus A320-200 che saranno consegnati alla fine del 2012. Entro il 2019, il Gruppo intende operare con una delle più giovani e fuel-efficient flotte passeggeri del mondo. 

 

La Compagnia aerea ha all’attivo anche l’ordine di 8 Boeing 777-200F che si aggiungono ai 10 Boeing 747-8F menzionati prima. Per dimostrare la sua fiducia a lungo termine in Hong Kong come un hub cargo, Cathay Pacific sta costruendo il proprio cargo terminal all’interno dell’Hong Kong International Airport. Il terminal dovrebbe essere operativo all’inizio del 2013.  

 

La Compagnia ha perseguito i suoi sforzi per migliorare i servizi offerti ai passeggeri. Nel marzo 2011, Cathay Pacific ha introdotto la sua nuova Business Class e da febbraio 2012 ha iniziato ad installare la nuova Premium Economy Class sui voli a lungo raggio. La nuova configurazione dovrebbe essere installata su 87 aeromobili entro la fine del 2013. Le nuove poltrone di Economy Class sui voli a medio e lungo raggio sono state introdotte a partire da marzo 2012 e vengono progressivamente installate sui Boeing 777-300ER e sui Airbus A330-300 per i voli a lungo raggio.  Air China sta avendo un ruolo sempre più importante nel business del Gruppo Cathay Pacific, contribuendo con il 31,1% all’utile consolidato prima delle imposte del 2011.

 

Air China e Cathay Pacific continueranno a lavorare a stretto contatto. La joint venture cargo con Air China, in cui Cathay Pacific detiene una quota azionaria nonché un interesse economico, è stata formalmente approvata a febbraio e lanciata ufficialmente nel maggio 2011. La joint venture opera da Shanghai sotto il nome di Air China Cargo.

 Il Sig. Pratt ha aggiunto: "Dopo un anno record nel 2010, abbiamo affrontato una serie di sfide importanti nel 2011: l'instabilità dell'economia globale, la debolezza del mercato aereo cargo, la riduzione dello yield dell’Economy Class, l'impatto delle calamità naturali in Giappone e Thailandia, i disordini in Medio Oriente e il continuo aumento del prezzo del jetfuel. Guardando oltre, le incertezze economiche stanno perdurando nella prima metà di quest'anno - mentre queste incertezze stanno continuando, ci aspettiamo una pressione sullo yield dell’Economy Class nonché in particolare una debolezza nel nostro business cargo. I prezzi del carburante sono aumentati ulteriormente. Come risultato di tutto questo, il 2012 appare ancora più impegnativo del 2011, siamo quindi cauti sulle previsioni di quest'anno. Continueremo ad essere molto attenti nella gestione dei costi, senza compromettere la qualità dei nostri prodotti e servizi o dei nostri investimenti strategici a lungo termine. La nostra posizione finanziaria rimane forte. Nell’agosto 2011 abbiamo avviato inoltre un medium term note programme: il programma rappresenta un'ulteriore fonte di finanziamento e permette alla Compagnia di emettere titoli di debito in una serie di valute. La prima emissione di titoli del programma ha avuto luogo nel mese di ottobre 2011. Ulteriori titoli sono stati emessi nel mese di gennaio e febbraio 2012."